IL 29 DICEMBRE ULTIMA SERATA DEL FESTIVAL: TAVOLA ROTONDA CON ESPERTI E PREMIAZIONE DEL FONDATORE DEL TENORE REMUNNU ‘E LOCU, DANIELE COSSELLU

teno3

La seconda edizione del festival musicale TenòRap “Duos munnos in unu” si chiuderà con la terza serata di appuntamenti il prossimo 29 dicembre, dalle ore 18 al cinema Ariston di Bitti, con una tavola rotonda dedicata al tema: “L’innovazione del canto a tenore e della cultura popolare in Sardegna”. L’ultima tappa della rassegna, dopo le altre iniziative del 10 e 15 dicembre, incentrate soprattutto sull’esibizioni dei gruppi a tenore, di canto corale sardo e di gospel, sarà dedicata all’analisi e allo studio. A coordinare i lavori, in calendario il 29, ci penserà il giornalista Giacomo Serreli: moderatore d’eccezione con una grande conoscenza ed esperienza della tradizione musicale regionale. L’incontro sarà aperto dai saluti istituzionali del consigliere comunale e delegato alla Cultura e Patrimonio identitario, Mario Sanna, e del presidente della Conferenza nazionale dei presidenti dei Conservatori italiani e presidente del Conservatorio di Sassari, Ivano Iai. Sul “Ruolo del conservatorio nello studio e nella valorizzazione della musica sarda di tradizione orale” interverrà Gian Nicola Spanu, docente di Storia della musica e Antropologia musicale al Conservatorio di Sassari. L’antropologo bittese Bachisio Bandinu tratterà quindi il tema “L’influenza della spettacolarizzazione sul canto a tenore”, mentre l’artigiano e artista di Terra Pintada di Bitti, Robert Carzedda, farà il punto su “L’influenza del canto a tenore nell’arte”. Sarà poi la volta dell’etnomusicologo Sebastiano Pilosu con “Cantatores de gabale. S’istòria moderna de su cantu a tenore”. La tavola rotonda sarà chiusa dal sindaco di Bitti, Giuseppe Ciccolini, che parlerà di “Canto a tenore come risorsa economica e sociale: la musealizzazione del canto a tenore a Bitti”.

La premiazione

Completata la parte di analisi e studio affidata agli esperti la serata proseguirà con la consegna di un’onorificenza, come “Innovatore del canto a tenore”, che l’amministrazione comunale consegnerà al leader storico e fondatore del gruppo a tenore Remunnu ‘e Locu, Daniele Cossellu. Un riconoscimento che rende onore al lungo lavoro di promozione e valorizzazione dell’antico canto dei pastori che tziu Tanielle, come lo chiamano tutti a Bitti, ha portato avanti per una vita intera in ogni angolo del mondo. Il sipario della serata, in vista dell’edizione 2024 di TenòRap, calerà sulle note dei Remunnu ‘e Locu.

Info e contatti. Per informazioni si può scrivere o telefonare alla cooperativa Istelai: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 3333211346 oppure 3332371759. Si possono inoltre consultare i canali social TenòRap su Facebook e Instagram. 

TENORAP, “DUOS MUNNOS IN UNU”. DOPO L’APERTURA DEL FESTIVAL IL 10 DICEMBRE SI PASSA AL SECONDO APPUNTAMENTO DEL 15 CON L’ESIBIZIONE DEI GRUPPI DI CANTO CORALE SARDO E DI GOSPEL

tenorap 2

 

Dopo l’apertura dell’edizione 2023 del festival musicale TenòRap “Duos munnos in unu”, che si è tenuta il 10 dicembre nella chiesa di Santu Michelli a Bitti, si passa subito alla seconda tappa della rassegna, presentata dal giornalista Ottavio Nieddu, con l’appuntamento del 15 dicembre alle ore 20 nella chiesa di San Giorgio Martire, dal titolo: “Coralità a confronto”. Ad allietare il pubblico con le proprie melodie ci penseranno, in apertura, i padroni di casa del tenore Vitzichesu di Bitti e poi il coro Carrales di Cagliari, il coro Montalbo di Siniscola, i Movin’on Up Gospel Choir di Olbia e i Joyful Soul OVD di Sassari.

La serata musicale accompagnerà gli appassionati lungo il filo conduttore che caratterizza questa seconda edizione del festival: il confronto artistico tra il canto corale sardo e la musica gospel. Mentre l’edizione 2022 aveva come tema quello della guerra e della pace, quest’anno si è deciso di dedicare il festival alla violenza sulle donne e alle loro libertà negate.

 

Terza e ultima tappa del festival.

Il terzo e ultimo appuntamento 2023 di TenòRap “Duos munnos in unu” si terrà il 29 dicembre nel cinema Ariston di Bitti con una tavola rotonda dedicata al tema: “L’innovazione del canto a tenore e della cultura popolare in Sardegna”. I saluti istituzionali, nella serata moderata dal giornalista Giacomo Serreli, saranno curati dal consigliere comunale e delegato alla Cultura e al Patrimonio identitario, Mario Sanna, e dal presidente della Conferenza nazionale dei presidenti dei Conservatori italiani e presidente del Conservatorio di Sassari, Ivano Iai. Sul “Ruolo del conservatorio nello studio e nella valorizzazione della musica sarda di tradizione orale” interverrà Gian Nicola Spanu, docente di Storia della musica e Antropologia musicale al Conservatorio di Sassari. L’antropologo bittese Bachisio Bandinu tratterà invece il tema “L’influenza della spettacolarizzazione sul canto a tenore”, mentre l’artigiano e artista di Terra Pintada di Bitti, Robert Carzedda, farà il punto su “L’influenza del canto a tenore nell’arte”. Sarà poi la volta dell’etnomusicologo, Sebastiano Pilosu, con “Cantatores de gabale. S’istòria moderna de su cantu a tenore”. La tavola rotonda sarà quindi chiusa dal sindaco di Bitti, Giuseppe Ciccolini, che parlerà di “Canto a tenore come risorsa economica e sociale: la musealizzazione del canto a tenore a Bitti”.

A rendere ancora più emozionante la serata sarà la consegna di un’onorificenza, come “Innovatore internazionale del canto a tenore”, che l’amministrazione comunale darà allo storico leader e fondatore del gruppo Remunnu ‘e Locu di Bitti, Daniele Cossellu. La chiusura della seconda edizione di TenòRap sarà tutta musicale con l’esibizione del quartetto dei Remunnu ‘e Locu a cui, magari ed è l’augurio di tuti, si unirà anche Cossellu.

Info e contatti

Per informazioni si può scrivere o telefonare alla cooperativa Istelai: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 3333211346 oppure 3332371759. Si possono inoltre consultare i canali social TenòRap su Facebook e Instagram.

 

 

TENORAP, “DUOS MUNNOS IN UNU”. AL VIA A BITTI L’EDIZIONE 2023 DEL FESTIVAL MUSICALE. APPUNTAMENTI IL 10, 15 E 29 DICEMBRE TRA ESIBIZIONI CANORE E LABORATORI DI STUDIO

Locandina300x

 

Ultimi preparativi a Bitti in vista dell’edizione 2023 del festival musicale TenòRap “Duos munnos in unu”, in programma con tre date il 10, 15 e 29 dicembre. La rassegna, giunta al secondo anno di attività, punta per questa stagione sul confronto artistico tra il canto corale sardo e la musica gospel che affonda le radici, da quasi cento anni, nella tradizione religiosa delle comunità nere del sud degli Usa. Nel 2022 i riflettori della rassegna avevano illuminato invece le potenziali similitudini teoriche tra il canto a tenore e diversi stili praticati nel mondo, con un focus particolare dedicato ai punti in comune tra l’improvvisazione poetica sarda e il rap afroamericano statunitense. Allora oltre ai seminari condotti dagli studiosi salirono sul palco i custodi dell’antico canto dei pastori e gruppi rapper locali, provenienti da diversi territori della Sardegna. L’esperienza portò ricercatori e artisti a percorrere un campo di analisi e di studio nuovo e non troppo battuto nel passato. Una voglia di trovare esperienze musicali ed espressive condivise che potessero legare culture lontane geograficamente e temporalmente. TenòRap nasce quindi come contenitore artistico, dove l’antica tradizione del canto isolano, pur conservando la propria identità, si apre e accoglie il confronto, la voglia di sperimentare e di conoscere le numerose varietà artistiche del pianeta. Il progetto, finanziato da Regione Sardegna e Comune di Bitti e patrocinato dal Parco naturale regionale di Tepilora, è organizzato dalla cooperativa Istelai che proprio nel paese barbaricino cura l’accoglienza nell’area museale dove si trova il museo multimediale del Canto a tenore, unica realtà del genere presente in tutta l’Isola.

I tre appuntamenti. Mentre l’edizione 2022 aveva come tema quello della guerra e della pace, quest’anno si è deciso di dedicare il festival alla violenza sulle donne e alle loro libertà negate: tema su cui diversi artisti presenteranno degli inediti. Le iniziative, tutte calendarizzate di sera, partiranno il 10 dicembre, alle ore 18;30 con l’appuntamento “Feminas e libertate”, che si terrà nella chiesa di Santu Michelli nel centro storico del paese, a un centinaio di metri dal Corso Vittorio Veneto e dall’area parrocchiale. All’apertura di TenòRap, moderata da Adriana Demelas, parteciperanno il presidente della Coop. Istelai, Francesco Coloru, il consigliere comunale e delegato alla Cultura, Mario Sanna, il coro locale Harmonicu Bithichesu Juanne Farre, il tenore Mialinu Pira di Bitti, il tenore Romanzesu di Bitti, Su Hussertu de Mamujada di Mamoiada, il Cunsonu Santu Juanni di Thiesi, il tenore Su Riscattu di Lodè e l’associazione culturale Sa Bitha di Bitti.

Il 15 dicembre andranno in scena i gruppi di canto corale sardo e quelli di musica gospel. L’appuntamento, dal titolo “Coralità a confronto” sarà presentato dal giornalista Ottavio Nieddu e prenderà il via alle 20 nella chiesa di San Giorgio Martire. Ad allietare il pubblico con le proprie melodie ci penseranno, in apertura, il tenore Vitzichesu di Bitti e poi il coro Carrales di Cagliari, il coro Montalbo di Siniscola, i Movin’on Up Gospel Choir di Olbia e i Joyful Soul OVD di Sassari.

Il 29 dicembre, terza e ultima tappa del festival, sarà il momento dell’analisi e del bilancio dei lavori 2023 con la tavola rotonda “L’innovazione del canto a tenore e della cultura popolare in Sardegna”. A moderare la serata, che si terrà nel cinema Ariston a partire dalle 18, sarà il giornalista Giacomo Serreli. I saluti istituzionali saranno curati dal consigliere comunale e delegato alla Cultura e al Patrimonio identitario, Mario Sanna, e dal presidente della Conferenza nazionale dei presidenti dei Conservatori italiani e presidente del Conservatorio di Sassari, Ivano Iai. Sul “Ruolo del conservatorio nello studio e nella valorizzazione della musica sarda di tradizione orale” interverrà Gian Nicola Spanu, docente di Storia della musica e Antropologia musicale al Conservatorio di Sassari. L’antropologo bittese Bachisio Bandinu tratterà invece il tema “L’influenza della spettacolarizzazione sul canto a tenore”, mentre l’artigiano e artista di Terra Pintada di Bitti, Robert Carzedda, farà il punto su “L’influenza del canto a tenore nell’arte”. Sarà poi la volta dell’etnomusicologo, Sebastiano Pilosu, con “Cantores de gabale. S’istòria moderna de su cantu a tenore”. La tavola rotonda sarà quindi chiusa dal sindaco di Bitti, Giuseppe Ciccolini, che parlerà di “Canto a tenore come risorsa economica e sociale: la musealizzazione del canto a tenore a Bitti”.

A rendere ancora più speciale e festosa la serata del 29 dicembre sarà la consegna di un’onorificenza, come “Innovatore internazionale del canto a tenore”, che l’amministrazione comunale darà allo storico leader e fondatore del gruppo Remunnu ‘e Locu di Bitti, Daniele Cossellu. La chiusura della seconda edizione di TenòRap sarà quindi affidata all’esibizione musicale del quartetto dei Remunnu ‘e Locu.

Gli organizzatori. “Il progetto TenòRap, articolato in una triennalità – ha spiegato il presidente di Istelai, Francesco Coloru – è arrivato nell’edizione 2023 al suo giro di boa. Abbiamo quindi raggiunto un punto di elaborazione e di confronto di diversi stili musicali che dimostra quanto mondi e culture a prima vista molto distanti possano essere invece accomunati da tradizioni canore, dove i punti di incontro sono davvero tanti. Lo stimolo, a proseguire lungo questa avventura, è perciò assai forte e siamo convinti che strada facendo saranno ancora tante le novità che renderanno questo progetto ben più vivo e interessante”.

I promotori. “TenòRap è un festival che, da un lato, mira alla valorizzazione della nostra identità artistica e musicale e, dall'altro, propone l'apertura alla conoscenza della musica dal respiro internazionale. Il nome dell'evento, infatti, dinamico e accattivante, nasce dall'idea di incontro tra culture profondamente diverse, per stili e valori”. Così il delegato alla Cultura del Comune di Bitti, Mario Sanna, che ha aggiunto: “Il canto a tenore, ormai conosciuto in tutto il mondo, assume un ruolo dominante durante l'intero sviluppo dell'evento che vede coinvolti molteplici generi musicali in uno scambio maturo. La prima edizione, che ha dato il nome al progetto, ha avuto come protagonisti la poesia estemporanea sarda, strumento principale del canto a tenore, e l'improvvisazione rap, attraverso un'analisi di tipo accademico e spettacolare. L'amministrazione comunale – ha concluso Sanna – è orgogliosa di supportare simili progetti che ci aiutano a conoscere l'eterogeneità del patrimonio musicale mondiale, pur tenendoci ben saldi alle nostre radici. Il canto a tenore, infatti, deve essere veicolo identitario per aprirsi al mondo, onde evitare un'anacronistica chiusura nel mondo globalizzato”.

Info e contatti. Per informazioni si può scrivere o telefonare alla cooperativa Istelai: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 3333211346 oppure 3332371759. Si possono inoltre consultare i canali social TenòRap su Facebook e Instagram.